MICHAEL McDERMOTT

What In The World...
(Pauper Sky Records)

8/10 23.07.2020   |   Alberto Albertini
MICHAEL McDERMOTTMICHAEL McDERMOTT
MICHAEL McDERMOTTMICHAEL McDERMOTT
C'è una costante risolutezza nella musica di Michael McDermott che rende la sua recente fatica discografica What In The World...uno dei suoi lavori migliori. La si percepisce nella trascinante voce e nei testi decisi, autorevoli, ma allo stesso tempo vulnerabili: mette a nudo le sue più intime insicurezze e paure, raccontate in ballate romantiche di grande forza espressiva. Gli argomenti trattati sono molteplici: si passa dal tema delle disuguaglianze sociali affrontato nella politica e aggressiva prima traccia What In The World, per poi spostarsi sul tema delicato del razzismo in una struggente Die With Me, fino alla dipendenza da alcol e droghe di No Matter What.
MICHAEL McDERMOTT
MICHAEL McDERMOTT
Tutte le canzoni sono costruite attorno alla voce di Michael: la sua forte espressività è perfetta per raccontare storie difficili, di sofferenza, rabbia, ma anche di redenzione. Ad accompagnarla alcuni strumenti come il violino che addolcisce la dichiarazione d'amore di Until I Found You, il sax ritmato della dirompente Mother Emanuel, gli accordi iniziali di una chitarra in pieno stile heartland rock alla Tom Petty di The Things You Want. La sublime e coinvolgente ballata malinconica di Veils Of Veronica e la profonda e springsteeniana Positively Central Park rappresentano alla perfezione tutta la visione musicale del cantautorato di McDermott.
New York, Texas e Blue Eyed Barmaid sono altre due canzoni di grande spessore. Specialmente quest'ultima, estremamente emotiva, descrive un'atipica scena nella quale è la barista che racconta al cliente (contrariamente a quel che comunemente succede…) i suoi problemi personali, condividendo senza timore le sue toccanti esperienze di vita.
What in the World... è un disco che scorre liscio, che si ascolta tutto d'un fiato, perché si è di fronte a racconti veri, genuini e trasparenti, dove si convive con la difficile percezione di aver sbagliato, di essere caduti in basso. Riesce a far capire che il percorso verso la risalita va affrontato senza vergogna, senza il timore di esprimere la propria più fragile interiorità.
Questo concetto racchiude il vero significato del disco, motivando Michael McDermott a tornare a scrivere grande musica. Un raro portavoce di un autentico cantautorato rock, un genere che più passano gli anni e più sembra essere (purtroppo) in via di estinzione.

icona ARTICOLI CORRELATI
vinyl
stai ascoltando:
play pause
ascolti precedenti X
vinyl